Il Tailliz: dolce rinascimentale

Oggi abbiamo preparato un dolce particolare dal Rinascimento: Tailliz.

“E’ una sorta di crema densa, realizzata con frutta secca e latte di mandorle” dice il libro di ricette dal quale ci siamo lasciate ispirare…

Non essendo indicate le quantità siamo andate “ad occhio”, provate e vi piacerà!

pranzo rinascinamentale

Ingredienti:

fichi freschi o secchi (li abbiamo preferiti freschi)

uva passa

biscotti secchi

pane secco

mandorle (per fare il latte e da usare tritate)

zucchero di canna

zafferano

Procedimento:

sbriciolare finemente i biscotti secchi e il pane e diluirli con il latte di mandorla in modo da ridurli in una sorta di poltiglia o pappa. Aggiungere lo zucchero di canna e le mandorle tritate. Incorporare la frutta tagliata a pezzetti. Mettere il tutto a sobbollire delicatamente insieme ad un pizzico di zafferano e lasciare addensare. Ci vuole circa un quarto d’ora di cottura.

Passare poi al forno in modo da rendere il tutto più compatto e gustoso.

Abbiamo pensato durante la realizzazione di questo dolce che poteva essere l’antenato del Bostrengo, nostro tipico dolce natalizio.

Menù di Ferragosto

Antipastirosa rosa
Prosciutto e insalata di melone
Pasta sfoglia con zucchine pinoli e salsa al basilico
Flan di melanzane con maionese di pomodoro 
Primi 
Farro con pesto al basilico e pomodorini 
Tagliatelle al ragu di piccione in bianco 
Secondo 
Coniglio in 3 modi 
Tortino di verdure dell'orto e pomodorini in confit 
Insalata d'estate 
Dessert 
Frutta di stagione con crema in brodo di giuggiole 
Vini 
Sangiovese DOC 
o Bianchello del Metauro DOC 
Cantina Guerrieri

Degustazione menù completo euro 35 
compreso acqua, vino della casa e caffè

Il servizio di Far Marche

Come forse avrete già visto tramite la nostra pagina Facebook, il 15 luglio è andato in onda nelle due edizioni del TG Regionale delle Marche, una presentazione del Mulino della Ricavata.

Buona visione!

“Un luogo delle Marche sconosciuto, affascinante ed esclusivo per la rubrica Far Marche. Ecco il Mulino della Ricavata, ubicato nei pressi di Urbania, nel pesarese, narrato da Nicoletta Grifoni con le riprese di Gianmario Stocchi. E’ gestito da Anna e Franco, titolari di un’azienda agrituristica i cui prodotti sono accompagnati dal profumo e dalla bellezza dei fiori. Una puntata meravigliosa, da condividere e che verrà riproposta anche in seguito con nuovi contributi, viste le tante risorse presenti.”

UN PRIMO CHE PARLA D’ESTATE

Con questo caldo ho pensato ad un primo che sprigionasse i profumi e i sapori che in questo momento si possono raccogliere nell’orto e in particolare nell’angolo delle erbe aromatiche.

Questa la proposta:

ricetta per 8/10 persone

Farfalle all’uovo fatte a mano con erbe aromatiche scaglie di parmigiano e pinoli.

Ingredienti:

un mazzetto di rosmarino, uno di salvia, uno di basilico e uno di maggiorana.

La scorza gratugiata di un limone.

Uno spicchio di aglio.

Due scalogni.

Un pezzo di parmigiano.

Una confezione di pinoli

Sale olio evo di Cartoceto.

Per la pasta

mezzo chilo di farina tipo 0, 5 uova

Impastare la farina con le uova fino ad ottenere un imposto morbido ed elastico. Far riposare un’ora. Riprendere l’impasto e fare due o tre sfoglie, tagliare le sfoglie prima a striscie poi a triangoli infine dare un pizzicotto al centro del triangolo in modo da ottenere una farfalla.

Per il condimento

Lavare e asciugare le verdure, togliere tutte le foglie dai rami e tritare tutte le erbe finemente.

Tritare anche lo spicchio di aglio e gratugiare la scorza di limone.

In una padella far soffriggere nell’olio la scalogno tagliato sottile, aggiungere acqua di cottura e le erbe aromatiche insieme alla scorza di limone.

A parte in una pentola capiente cuocere in acqua salata e bollente le farfalle.

Quando sono al dente scolarle e passarle nella padella dove sono le erbe aromatiche, se necessario aggiungere altra acqua di cottura e un po’ di parmigiano.

Servire subito aggiugendo scaglie di parmigiano e pinoli insieme ad una irrorata di olio evo.

Cosa c’è di meglio cenare al fresco in una serata di questa estate calda qui al Mulino con questo primo e tanto altro cibo elaborato con i prodotti del nostro orto ?

 

cena all'aperto

La cena di stasera.

Questa sera al Mulino sono arrivate due persone nuove e nel darle il benvenuto abbiamo pensato di proporre loro un assaggio dei prodotti del nostro orto e del territorio.

Abbiamo servito delle zucchine appena raccolte in carpaccio con scaglie di parmigiano e petali di tagete, il tutto condito con olio EVO di Cartoceto, come antipasto, insieme a un flan di melanzane con maionese di pomodoro e la frittura di fiori di zucca.

zucchine in carpaccio

La cena è continuata con dei ravioli al pomodoro e basilico, a seguire prosciutto della azienda Nino, formaggio di fossa e casciotta d’Urbino con una mostarda preparata da me e il crostolo con le bietole dell’orto ripassate in padella.

Abbiamo terminato con una mousse al cioccolato con una composta di albicocche preparata in questi giorni.

I nostri ospiti hanno gradito !!!!!

Domani penseremo a qualcosa di nuovo da proporre.